Fatto increscioso in curva D’Avalos, la segnalazione di un tifoso

stadio aragona.jpgDa un tifoso della Pro Vasto riceviamo e pubblichiamo:

“Vi scrivo per rendere pubblico un fatto increscioso cui ho assistito, mio malgrado, nella curva D’Avalos dello stadio Aragona. Al termine della …

Fatto increscioso in curva D’Avalos, la segnalazione di un tifosoultima modifica: 2009-08-31T12:26:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Fatto increscioso in curva D’Avalos, la segnalazione di un tifoso

  1. bravo, nn andarci più in curva…..torna a Milano e stai con la tua cara e amata famiglia……..ma guarda un po questo che in 20 anni che sta a Milano si deve scandalizzare per una sberla….. sicuramente non è giusto e di gradimento ciò che è accaduto, ma non è necessario che si apra addirittura un inchiesta .
    N.C. statti a casa se Vasto ti scandalizza più di Milano…….

  2. bravo fabio è propio così che ci dobbiamo comportare OMERTA’ è quello che ci vuole ,
    cosi poi quando toccherà a te prenderci un paio di sberle rimarrai li solo come un deficentone.
    Continuiamo cosi che in curva ci rimarranno solo delinquenti
    le persone perbene dovrebbero protestare civilmente riconsegnando i propi abbonamenti alla società fino a quando non si libererà da certi personaggi che infangano l’ARAGONA
    TU SEI UNO DI QUELLI CARO fabio…….

  3. è davvero triste che persone per bene non possano coltivare la propria passione. La causa è un tossico, che da emarginato, vede nella Curva D’Avalos un palcoscenico per potersi mettere in mostra e, dimostrare al mondo che esiste anche lui. Maggiore tristezza nel constatare che la diffida(strumento utilizzato con estrema facilità nella ns città anche per episodi di poco conto….e talvolta inesistenti!!!), non colpisce personaggi che si rendono colpevoli da anni di episodi di violenza…
    Io personalmente confido nel capitano dei carabinieri, certo che se sarà messo a conoscenza di quanto accade allo Stadio Aragona da anni, interverrà per consentire ai bambini ed alle famiglie Vastesi di tornare a coltivare una passione ….

  4. ma Peppì.. non sapete che fare eh?????
    Io dico che per una sberla non bisogna buttare un arlarmismo del genere , ma sai quante ne capitano ogni giorno nella vita comune e in ogni singola partita?????ne capitano davvvero tante , e se dovrebbero aprire indagini per ogni sberla, l italia sarebbe ferma per ste situazioni di poco conto………
    Io per prima cosa allo stadio non ci vado perchè sinceramente della pro Vasto non me ne frega niente(è una presa per il culo…oggi in C e domani in D), ma in compenso vedo altre partite di serie A e posso dirti che succede spesso trovare il prepotente , il capo ultrà , che li dentro vuole essere ascoltato……così funziona allo stadio……..pernsi che in inghilterra tutti arrivano e si siedono composti…..ma dai su…tu credi a Babbo Natale….Il ruolo del capo ultras o dei singoli ultras, è questo : organizzare scenografie, organizzare cori, sapere chi si deve fischiare o no, la polizia incarica anche loro , se vi è qualche “cane sciolto ” (che potrebbe far danno) a farlo stare muto e calmo , per evitare che la situazione in alcuni casi potrebbe peggiorare…… Ma comunque a parlare con Voi mi sembra molto inutile , visto che dalle Vs risposte molto imbecilli ( ved.GIOVANNI) , si capisce che Voi non avete la più pallida idea dei retroscena dei tifosi……..
    Eh si , tu , Giovanni , tu hai le risposte, tu dici che la colpa è di un tossico che si vuole mettere in mostra,tu…..nn hai capito un emerito cavolo …..tu come fai a dire che quello è un tossico……lo conosci??? e allora perchè non lo vai a denunciare………se sai chi è????? perchè non fai il buon cittadino……vai……denuncia….tu già sai?????? caro Giovanni tu sei solo uno dei tanti che sa puntare il dito e basta , ma non si fa l esame di coscienza…..tu sei una persona cattiva che può essere pericolosa per tutti , inventi storie che possono creare problemi che manco immagini…..Ma dico io come fai ???????
    Tu invece caro Peppino , se a me dovessero dare due sberle , e ne risentirei vivamente, allora provvederò ad una denuncia…….una denuncia mia personale , nei confronti di chi l ha fatto(se lo conosco) o contro ignoti……ma sicuramente rifletto perchè quella persona mi ha dato una sberla …….può essere anche che me la meritavo e quindi devo star zitto………..certe volte una persona sola , in uno stadio ,con gli animi così “scaldati” per la partita o per l esito di essa, potrebbe con un coro o una parola o un lancio di oggetti in campo , potrebbe far succedere il caos….quindi una sberla potrebbe esser “una precauzione al caos”””
    Non so se capite , sicuramente no perchè uno parla di Omertà(muha e chi ha detto mai di farlo) l altro parla di tossici(muha …no comment) quindi arrivederci e …..tante belle cose……

  5. Caro fabio, e tu lo conosci per dire che non è un tossico? Che fai lo difendi? Non tutti sono abituati a prendere sberle perche’ se le meritano come dici che potrebbe succedere a te. Parti dal presupposto che uno va allo stadio per applaudire chi cazzo gli pare e nessun energumeno dovrebbe permettersi di mettere le mani addosso a nessuno.
    Se poi invece lo stadio diventa la casetta degli orrori in cui i gradassi e i falliti si possono sfogare, come nel tuo immaginario, non penso sia per niente normale e una bella lezione vada data a loro. Cioè, non è che siccome è sempre andata cosi’, cosi’ debba andare sempre.
    Quanto all’organizzazione delle coreografie, che mi permetto di dire lasciano molto a desiderare, non si puo’ sottomettere chiunque abbia voglia di stare allo stadio. Uno è libero di andare e applaudire o no senza che un cretino titolato dalla curva alzi le mani. Essere ultras è molto diverso, prima di tutto ci vuole il rispetto, non è menare gli schiaffi ad altri spettatori che delle tue stronzate sugli applausi vietati non gliene puo’ fregare di meno. Stanno li per godere la partita non le stronzate di un bullo capo banda della minchia.

  6. Caro vastese trapiantato temporaneamente a Milano forse oggi ti sei svegliato e tisei accorto che non sei + vastese e non sei mai stato milanese,e cosi’ hai deciso di farci un bel “PIPPETTONE” sul viver civile.Grazie ma sai mi sta’ venendo qualche dubbio che sei stato 20 anni a Milano, dici di avere 2 figli e per portarli allo stadio ci vuole il benestare dei nonni”svegliati”,ma fino ad oggi dove hai vissuto.Ma cosa credevi di tornare al “paesello” x avere la tua tranquillita’ su i tuoi figli.(IPOCRITA).Be’ allora cerca di rapportarti meglio con la realta’ xche’ di questi soggetti il mondo e’ pieno.Comunque il gesto e’ assolutamente da condannare ( la madre dei cretini e’ sempre gravida) e non ha niente da dividere con lo SPIRITO ULTRAS,altra realta’ che dovresti conoscere meglio.

  7. mongoloide..ANDREA TU SEI UN MONGOLOIDE……..
    Io a differenza Vs non punto il dito e giudico chi è o cosa fa quella persona……ma vuoi vedere che mo sono io a drvi spiegazioni se lo conosco o no????
    Avete definito una persona che nessuno conosce , un tossico…ma che ne sapete voi’?????
    Poi un tossico, ha paura della sua ombra e non credo faccia ciò…sicuramente “il tossico” potrebbe fare il gradasso, ma appena c è un pericolo , qualsiasi , è il primo a farsela sotto….quindi nn credo sia un tossico…e anche se lo fosse io non giudico al contrario di voi mao mao……
    Poi se anche a te non ti sta bene….. statti a casa…..purtroppo questi episodi accadono e sono solo gli inquirenti a decidere se è una cosa punibile oppure no……
    A te ti vorrei vedere in uno stadio di serie A o B o anche C, come rimarresti sorpreso per ciò che accade…..lo stadio è così….si va per vedere la partita e purtroppo vi accadono degli episodi sgradevoli, ma a definire la casetta degli orrori è eccessivo e non paragonabile alla realtà…… tra l altro , devi sapere che in molte occasioni le persone più impensabili , le persone di un certo ceto sociale….le persone di una certa età, quando entrano allo stadio e vi è tensione per la partita, si trasformano e fanno delle cose che inimmaginabili , si sfogano e vanno oltre i limiti delle regole…..
    Adesso che è domenica e la partita è a prato , spero che ti rilassi sulla poltrona di casa senza che giudicate altre persone……perchè ognuno ha i propri guai dentro casa……e tu lo sai………

  8. Nel mondo delle curve questi episodi sono purtroppo all’ordine del giorno.
    Chi non ha esperienza e vuole esprimere giudizi negativi sul fatto che la propria squadra giochi male o addirittura perda la partita purtroppo in curva non ci deve andare.
    Quello che denuncia l’amico di Milano è più che giusto ma bisogna considerare che a volte nella società in alcuni nicchie si creano delle regole che si discostano dal viver civile.
    Allora bisogna essere scaltri e capaci di capire che quando ci si trova in un ambiente dove cento persone la pensano in un modo è meglio non fare la voce fuori dal coro altrimenti si rischia di trovare il deficente di turno che reagisce menando sberle e calci.
    Meno male che chi ha ricevuto la sberla non era una testa calda altrimenti si sarebbe accesa una rissa dalle conseguenze impreviste.
    Certo non è un comportamento civile ma è come se si va nella savana a stuzzicare un leone per poi lagnarsi che ci ha aggredito e sbranato.
    Certamente non possiamo lamentarci con nessuno.
    Per questo bisogna capire che la curva ha le sue regole, contestabili o meno, che si allontanano dalle regole del viver civile.
    Bisogna accettarlo assistendo alla partita evitando commenti, diversamente andare in tribuna o trarne le conseguenze.
    Certamente ora con la disposizione delle telecamere le cose cambieranno.
    Saluti a tutti.
    Stefano Moretti.

  9. BRA VO STEFANO MORETTI……. MI PIACE…….DIPLOMATICAMENTE HAI ESPRESSO UN OTTIMO CONCETTO DELLO STADIO……..IO INVECE SONO STATO PIù DURO E MALEDUCATO , E MI SPIACE , MA QUANDO SENTO CERTE PERSONE CHE PUNTANO IL DITO CONTRO ALTRE E INOLTRE DANDO DEL TOSSICO A CHI SI “AGITA ” NELLE PARTITE , MI DA FASTIDIO…..MA MOLTO….CERTI SOGGETTI NON SANNO QUEL CHE DICONO, SUBITO OFFENDONO O TI LEGANO UN AGGETTIVO………COMUNQUE …….MI PIACE IL TUO COMMENTO E HAI DESCRITTO CIO’ CHE ACCADE ALLO STADIO (GIUSTO E SBAGLIATO) IN MANIERA SEMPLICEMENTE CORRETTA E OBBIETTIVA.
    SALUTI A TUTTI.

  10. Mongoloide lo vai a dire a un altro, non ti restituisco l’offesa perchè non mi metto al tuo livello.
    Pensala come ti pare ma allo stadio valgono le regole del vivere civile e se uno aggredisce un altro deve pagare. Ripeto, forse non ti è chiaro, le consuetudini non valgono un cazzo, anzi proprio perchè sono diventate consuetudini c’e’ la responsabilità di chi lo ha permesso.
    L’essere tossico o meno non c’entra niente e non credo sia quello che fa la differenza, io non lo conosco ma per giudicare l’atto non mi serve.

    Mi fa ridere il commento di Moretti che tante volte ha scritto e parlato chiedendo legalità. Che fai, usi due pesi e due misure o vuoi parare il culo al personaggio? Non sei credibile.

    E’ ridicolo che si dica che allo stadio valgono certe regole. E’ come se in un club privato fosse consentito vendere droga o torturare delle persone, fare quello che la legge non consente normalmente.
    Una stronzata cosmica altro che descrizione corretta e obiettiva.

    In curva valgono le regole della società civile, se uno vuole applaudire la propria squadra è libero di farlo senza che un idiota selvaggio ti metta le mani addosso. Per quello ci deve essere una punizione adeguata e le forze dell’ordine stanno li’ anche per questo. O almeno dovrebbero.

    Spero che puniscano questo galletto e gli insegnino una volta per tutte come si sta al mondo, diversamente, assieme ai vostri commenti sarà di esempio per altri imbecilli che vorranno fare come lui.

  11. andrea……….nessuno dice che è giusto così, ma la realtà è questa…… ma tu pensi che sai come si sta al mondo????tu non sai nemmeno come stare dentro casa tua…..
    nella vita esistono delle regole che non sono scritte…… e se la tifoseria non vuole applaudire per contestare, chi applaude è oltre che stupido (visto che la tifoseria ha deciso di contestare ) anche un soggetto che stuzzica con il suo modo di andar contrario……
    Vai ad una partita di Lazio -Roma (è un esempio) e tu ti metti ad applaudire una squadra mentre tutti la contestano……poi fammi sapere (sempre se ci riesci) cosa ti hanno fatto….non credo che ti danno la medaglia, e non credo che le forze dell ordine prendano le tue difese……Io ti sto solo descrivendo la realtà dei fatti che va avanti da più di 50 anni e andrà avanti per almeno altri tanti………….

Lascia un commento