Cala il sipario sul Vasto Film Festival, le considerazioni di Del Prete

vff09-norelli2.JPGda Nicola Del Prete riceviamo e pubblichiamo:

Da qualche giorno è calato il sipario sull’edizione Lapenna-Alinovi del Vasto Film Festival. Nessuno, perciò, mi può accusare di strumentalizzare l’evento (parola forse troppo grossa per la manifestazione del 2009). In ogni caso, …

Cala il sipario sul Vasto Film Festival, le considerazioni di Del Preteultima modifica: 2009-08-25T13:17:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “Cala il sipario sul Vasto Film Festival, le considerazioni di Del Prete

  1. MNi chiedo quando c’era lui del prete tutto andava ok..ora che non c’e piu lui…nulla e cambiiato..non ancora capiscono a palazzo di città che ormai noi Vastesi siamo stufi di essere presi in giro…speriamo che ne a del prete ne a lapenna rivenga un mente di ripresentarsi alle votazioni…avranno una bellissim sorpresa ….

  2. MNi chiedo quando c’era lui del prete tutto andava ok..ora che non c’e piu lui…nulla e cambiiato..non ancora capiscono a palazzo di città che ormai noi Vastesi siamo stufi di essere presi in giro…speriamo che ne a del prete ne a lapenna rivenga un mente di ripresentarsi alle votazioni…avranno una bellissim sorpresa ….

  3. 14 anni fa erano pochi i festival del cinema in Italia
    allora si poteva ottenere visibilità ,
    ma ora non serve più per farsi notare bisognerebbe spendere un patrimonio, occorre inventarsi qualcosa di nuovo e risparmiare i soldi che si buttano ogni anno per manifestazioni come il film festival e toson d’oro

  4. Caro Peppino, spero che tu non sia il Peppino che dico io. Vorrei difendere il “Toson d’Oro” non perchè è una manifestazione ideata e curata da me ma perchè è una delle pochissime manifestazioni che ricorda al popolo quello che la Città del Vasto è stata. Quanto pensi che costi poi la rievocazione storica !? Se non l’hai notato, infine, vorrei sottolineare che questa manifestazione viene sempre snobbata e mortificata dalle amministrazioni civiche. Guarda i siti, leggi i giornali, nessuno dell’amministrazione comunale parla del Toson d’Oro. Nessuna pubblicità, nessuna conferenza stampa. Insomma c’è da esserne orgogliosi.

  5. io propongo una raccolta di firme per abolire questo tipo di film festival.
    Spendere soldi e fare queste schifezze è da imbecilli.
    O chiamiamo i big del cinema e diventiamo una vetrina per media e spettacolo oppure questi cortometraggi e ospiti recuperati “last minute” non ci servono certo per incrementare il poco turismo che c’è.

  6. In nostro caro Nicolino ha espresso una riflessione che mi piace,infatti a mio avviso e’ uno dei Vasto Film Festival piu’ sciapi,piu’ anonimi,piu’ silenziosi che Vasto ricordi.Perche’ nascondersi dietro ad un dito….i danari spesi saranno anche la meta’ in confronto a quelli spesi gli altri anni,ma di fatto il Vasto Film Festival e’ stato come … Pic indolor ….Gia’ fatto?????Cosi’ recitava uno spot di qualche anno fa e infatti cosi’ si puo’ dire del Vasto Film Festival(lo scrivo cosi’ perche’ VFF mi sembra l’abbreviazione di una parolaccia).Spero che il futuro ci riservi uno Spettacolare Vasto Film Festival che dia lustro a questa straordinaria Citta’ .SAlutoni e Bravo Nicola!

  7. E’ stato un festival della noia, del nulla, della spesa inutile. Del Prete ci ha regalato nomi importanti e una idea nuova, quella delle sale cinematografiche all’aperto e gratis. Lapenna, che adesso è assessore al turismo, se non sbaglio, cosa ci ha fatto vedere?

Lascia un commento