Milano adotta la linea dura e vieta consumo e vendita di alcol agli under 16. E’ la prima città italiana a sanzionare il consumo e la detenzione

alcolici.jpgDa lunedì prossimo a Milano i ragazzi con meno di 16 anni non potranno acquistare o consumare alcolici in strada o nei locali. La giunta del Comune di Milano ha approvato la delibera che fissa le sanzioni per i trasgressori. La giunta del Comune di Milano ha deliberato la sanzione di 450 euro, che risulta ridotta rispetto ai 500 euro di sanzione prevista dalla legge, se pagata subito, e il sequestro cautelare delle bevande e la confisca amministrativa per chi detiene,….

consuma o a chi cede anche a titolo gratuito, bevande alcoliche di qualunque gradazione ai minori di 16 anni. La sanzione sarà notificata ai genitori dei minori. L’ordinanza entrerà in vigore, in via sperimentale per 120 giorni, lunedì prossimo, dopo l’affissione all’Albo Pretorio.  

L’ordinanza, firmata dal sindaco di Milano, Letizia Moratti, vieta la somministrazione, la detenzione, il consumo e la cessione anche a titolo gratuito, di bevande alcoliche di qualunque gradazione ai minori di 16 anni. I divieti si estendono anche alla vendita e alla somministrazione di bevande alcoliche, in zone accessibili ai minorenni, a mezzo di distributori automatici che non siano dotati di sistema di lettura automatica di documenti con i dati anagrafici di chi li utilizza.  

Milano è la prima città italiana a sanzionare il consumo e la detenzione. Finora si era arrivati a multare solo la somministrazione e, come nel caso del Comune di Monza, la vendita di alcolici ai minori di 16 anni. Il provvedimento rafforza l’ordinanza già in atto dal 4 novembre 2008 nei luoghi di aggregazione della città che pone il divieto di consumare e detenere bevande alcoliche in contenitori di vetro o di latta in luoghi pubblici o aperti al pubblico del Comune di Milano. L’attività di controllo verrà affidata congiuntamente alle Forze dell’Ordine, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e alla Polizia Locale.

 “E’ un’ordinanza che abbiamo ritenuto necessaria – dichiara il sindaco di Milano, Letizia Moratti – siamo i primi in Italia e speriamo di essere i primi anche nei risultati positivi perché in Italia i giovani minori che bevono sono oltre 750mila. A Milano il 34% dei ragazzi di 11 anni hanno già avuto problemi di alcolici. Pensiamo che questa ordinanza vada ad arginare questo fenomeno”.  

Per il sindaco “ovviamente non basta quest’ordinanza: alle politiche di sicurezza devono essere accompagnate politiche sociali e strutturali. Dare ai ragazzi voglia di costruire il proprio futuro e a realizzare i propri sogni. Questa è la parte più difficile. Occorre aumentare spazi e luoghi -aggiunge- dove anche guidati da un confronto con gli adulti abbiano l’opportunità di realizzare esperienze e progetti”.  

Il vice sindaco di Milano, Riccardo De Corato, annuncia che “la settimana prossima ci saranno servizi mirati e controlli dinamici per verificare l’adempimento dell’ordinanza. Il nuovo provvedimento – prosegue De Corato – si aggiunge all’ordinanza che sanziona il consumo d’alcol allorché creano condizioni di pericolo. Tanto che da inizio anno sono state 68 le sanzioni da 500 euro inflitte. Nel piano di contrasto all’abuso di alcolici non va dimenticato il giro di vite nei confronti degli autonegozi. In un incontro avvenuto in Prefettura è emerso che una parte dei problemi è causata dalla presenza di venditori ambulanti di bevande alcoliche che non rispettano gli orari di vendita e violano diverse disposizioni”.

Milano adotta la linea dura e vieta consumo e vendita di alcol agli under 16. E’ la prima città italiana a sanzionare il consumo e la detenzioneultima modifica: 2009-07-17T23:34:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento