Intercettazioni, governo incassa fiducia alla Camera. Protestano le opposizioni e l’ANM.

camera dei deputati.jpgIl governo ha ottenuto oggi la fiducia della Camera sul suo maxiemendamento al disegno di legge in materia di intercettazioni.I sì sono stati 325, i no 246 e due gli astenuti.Il ddl restringe il ricorso alle intercettazioni nelle indagini della magistratura e impedisce la loro pubblicazione sui media, anche quando non sono più coperte da segreto, almeno fino alla fine delle indagini preliminari.Il voto finale è atteso per domani, prima che il provvedimento passi al Senato. Secondo fonti……..

dell’opposizione, la votazione finale potrebbe essere a scrutinio segreto, un ipotesi prevista dal regolamento e sulla quale l’opposizione sarebbe propensa a chiedere alla Presidenza di Montecitorio un vaglio di ammissibilità.

La quindicesima fiducia di questa legislatura ha già  spinto oggi l’opposizione che siede alla Camera, contraria al ddl, a lanciare un appello al Quirinale, mentre per l’Associazioni nazionale magistrati il provvedimento decreta “la morte della giustizia penale” in Italia.

In una lettera a Giorgio Napolitano, firmata dai capogruppo di Pd, Idv e Udc alla Camera e presentata oggi ai media, “si confida” nell’intervento del presidente della Repubblica “nelle forme che riterrà opportune, per restituire pienezza di contenuti democratici al dibattito parlamentare”.

L’opposizione denuncia che su un provvedimento che tratta di sicurezza dei cittadini e libertà di informazione, diritti tutelati dalla Costituzione, il governo metta la fiducia “per impedire a deputati leghisti ed alcuni settori di An di manifestare il proprio dissenso con il voto segreto”, come ha detto il capogruppo del Pd, Antonello Soro, in una conferenza stampa.

“I vertici della Lega hanno deciso di scambiare la morte certa del referendum elettorale, cedendo un pezzo di libertà del Paese”, ha aggiunto il capogruppo dell’Italia dei Valori, Massimo Donadi, commentando quello che l’opposizione definisce un do-ut-des Carroccio- Pdl concordato all’indomani delle elezioni europee ed in vista dei ballottaggi alle amministrative e dei referendum il 21 giugno.

“L’Udc è gelosa della sua specificità all’opposizione”, ha detto Michele Vietti dell’Udc. “Ma il troppo stroppia… Per ricorrere alle intercettazioni sono state poste delle condizioni più restrittive di quelle richieste per gli ordini di custodia cautelare”.

Il riferimento è alla norma centrale del disegno di legge, secondo cui il giudice potrà autorizzare le intercettazioni richieste dal pm soltanto in presenza di “evidenti indizi di colpevolezza”. Per i detrattori del provvedimento, questo significa azzerare il ricorso alle intercettazioni, che vengono spesso chieste proprio per stabilire indizi di colpevolezza, e di conseguenza limitare fortemente l’efficacia delle inchieste contro la criminalità.

La maggioranza sostiene che le limitazioni sono necessarie dopo una serie di abusi da parte della magistratura, in cui si è violata la privacy dei cittadini.

Ma il sindacato delle toghe parla di una scelta che “lascia sgomenti”.

“In un momento in cui la sicurezza dei cittadini è sovente evocata come priorità del Paese — si legge in una nota diffusa dal sindacato delle toghe — lascia sgomenti il fatto che il Parlamento stia per effettuare scelte che rappresentano un oggettivo favore ai peggiori delinquenti”.

 

Intercettazioni, governo incassa fiducia alla Camera. Protestano le opposizioni e l’ANM.ultima modifica: 2009-06-10T20:41:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento