Giancarlo Lippis (PdL) scrive al ‘Centro’ ed al Sindaco di San Salvo

lippis.jpgdi Giancarlo Lippis (PdL, consigliere comunale San Salvo):

Leggo il “Centro” del 07-03-2009 a firma di Paola Calvano e con somma meraviglia, nella pagina di Vasto, rilevo che viene dedicato un ampio servizio giornalistico al conferimento della cittadinanza onoraria a Pat Zito. Nel predetto servizio sono stati citati tutti coloro che sono intervenuti nel corso del Consiglio

Comunale, fin’anche il ragazzo (Antonio Cordisco) che ricopre la carica di Sindaco Baby. Ci si e’ dimenticati, però, di citare il sotto-scritto che, per conto della mino-ranza , e’ intervenuto sull’argomen-to, ricevendo gli apprezzamenti anche dalle RSU di fabbrica presenti

al Consiglio Comunale. Tale dimenticanza fa il paio con quella del Sindaco, che, in aula si e’ dimenticato di salutare il presidente della 4° Commissione Attivita’ Produttive della Regione Abruzzo, Nicola Argiro’, e il Consigliere dell’ IDV Paolo Palomba , da lui invitati al Consiglio.
Tali dimenticanze del vostro organo di informazione e del Sindaco indurrebbero a pensare ad una ardita strategia della Sinistra, che non vuol mettere in luce gli esponenti del Centrodestra. Strategia , questa, miope e di corto respiro, poiche’ le cittadinanze onorarie vanno conferite con il consenso e il rispetto delle minoranze, che hanno invece votato all’unanimita’. Che figura avrebbe fatto il Sindaco e cosa avrebbe scritto il “Centro” se il sottoscritto e/o i suoi colleghi d’opposizione si fossero dissociati da tale iniziativa?
Si vuole che in futuro accada questo?
A tal proposito, essendo la nostra citta’ rappresentata da autorevoli persone nel campo economico,sociale e del volontariato, proporremmo anche noi da qui a poco, come rappresentanti di 5.000 elettori , altre cittadinanze onorarie sperando che anche il Sindaco sia d’accordo con noi.

Consigliere Comunale
Giancarlo Lippis

Giancarlo Lippis (PdL) scrive al ‘Centro’ ed al Sindaco di San Salvoultima modifica: 2009-03-13T12:27:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento