«La vertenza si inasprisce». Nessuna intesa tra la ditta Cerella e i Sindacati

sindacati.jpg“Poteva essere l’occasione per trovare una intesa ma l’intransigenza aziendale non ha permesso di addivenire ad un accordo”. E’ questo il commento di FILT CGIL, FIT CISL e UILT UIL in merito all’incontro avuto presso la Prefettura di Chieti lo scorso 26 febbraio, nell’ambito della seconda fase delle procedure di raffreddamento…

 e conciliazione della vertenza che vede contrapposte le OO.SS. alla Società Autoservizi Cerella di Vasto.

 

Rimangono quindi ancora aperte le problematiche che riguardano argomenti quali:

 

1.   applicazione e interpretazione unilaterali delle norme contrattuali e di adozione di provvedimenti organizzativi;

2.   sicurezza dell’esercizio;

3.   organizzazione del lavoro;

4.   applicazione del contratto ASSTRA.

 

Su quest’ultimo punto c’è da registrare una diversa valutazione all’interno della delegazione sindacale e per questo motivo FILT CGIL, FIT CISL e UILT UIL confermano come imprescindibile l’applicazione del CCNL delle Aziende pubbliche di trasporto a tutti i lavoratori della Cerella che, è bene ricordarlo, vede l’ARPA quale socio di maggioranza.

 

L’autorevole mediazione di S.E. il Prefetto di Chieti, dr. Vincenzo Greco, non è stata sufficiente a ricomporre una spaccatura che dura oramai da troppo tempo e che ha nel management aziendale, dal Presidente ing. Nicola Basilavecchia ad alcuni componenti del CdA, il principale elemento di ostacolo a quella che per le scriventi rappresenta la giusta conclusione della vertenza.

 

Alla Cerella – affermano Salviani (FILT CGIL), Di Naccio (FIT CISL) e Murinni (UILTRASPORTI) “si decide di non decidere” , per i lavoratori il tempo delle attese è oramai giunto al capolinea.

«La vertenza si inasprisce». Nessuna intesa tra la ditta Cerella e i Sindacatiultima modifica: 2009-02-28T12:56:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento