San Giuliano, 5 condanne per il crollo della scuola. Tra loro anche l’ex sindaco, padre di una delle vittime

sangiuliano.jpgE’ di cinque condanne e una sola assoluzione la sentenza del processo d’Appello per gli imputati del crollo della scuola Jovine di San Giuliano di Puglia (Campobasso) sotto le cui macerie il 31 ottobre 2002 morirono 27 bimbi e un’insegnante. Dopo oltre otto ore e mezza di camera di…

consiglio, i giudici della Corte d’Appello di Campobasso hanno ribaltato la sentenza di primo grado che aveva visto l’assoluzione di tutti e sei gli imputati “perche’ il fatto non sussiste”.

Nel dettaglio le pene inferte agli imputati sono state: 6 anni e 10 mesi al progettista della sopraelevazione dell’edificio, Giuseppe La Serra e al dipendente comunale responsabile della pratica per la sopraelevazione dell’edificio, Mario Marinaro, 2 anni e 11 mesi ad Antonio Borrelli, ex sindaco del paese e padre di una delle piccole vittime, 5 anni agli imprenditori Carmine Abiuso e Giovanni Martino, mentre il primo costruttore della scuola, Giuseppe Uliano, e’ stato assolto.

La lettura della sentenza e’ stata accolta con un applauso dai genitori delle piccole vittime presenti nell’aula della Scuola allievi carabinieri dove, per motivi di spazio, si e’ celebrato il processo. Nel corso della requisitoria il procuratore generale presso la Corte d’Appello di Campobasso, Claudio di Ruzza, aveva chiesto per gli imputati pene fra i 3 e i 7 anni. Per loro le accuse erano: omicidio colposo plurimo, disastro colposo e lesioni colpose. Gli imputati condannati usufruiranno di un condono della pena per effetto dell’indulto. La Corte d’Appello di Campobasso inviera’ adesso gli atti alla Procura generale di Roma per valutare eventuali corresponsabilita’ da parte dello Stato sul ritardo nella classificazione sismica per il comune di San Giuliano di Puglia.
(Adnkronos)

San Giuliano, 5 condanne per il crollo della scuola. Tra loro anche l’ex sindaco, padre di una delle vittimeultima modifica: 2009-02-25T21:18:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento