Intervento di Camillo D’Amico sulla proroga della caccia al cinghiale

damico.gif“La notizia che, il consiglio regionale d’abruzzo nella sua ultima seduta del 30 Dicembre u.s., ha prorogato la caccia al cinghiale sino all’11 Gennaio 2009 ci riempie di soddisfazione perchè va incontro alla richiesta da noi formulata in tal senso alla provincia di Chieti, dopo l’assemblea pubblica tenuta a Scerni presso….

l’istituto agrario il 16 Dicembre, ove ponemmo il problema al centro della discussione in maniera seria e costruttiva al cospetto di sindaci ed amministratori locali, agricoltori e loro associazioni, associazioni venatorie ed A.T.C.
E’ chiaro che il postiticipo della chiusura risulta solo un momentaneo paliativo e non risolve affatto il problema che necessita di una pianificazione normativa e tecnica più ampia e di lunga durata come potrnno essere il regolamento specifico per la caccia al cinghiale, già in avanzata discussione nell’aposita commissione consigliare in provincia, e la rivisitazione del Piano Faunisitco vigente ma, in attesa che presto anche questi risultati si concretizzeranno, il segnale che il mondo agricolo riceve dalle istituzioni è positivo.
Noi, come organizzazione agricola, non intendiamo confliggere affatto con il mondo venatorio purchè venga salvaguardato un principio ossia che, la caccia, è una passione sportiva mentre, la pratica agricola, è una professione che, per tanti, è sostentamento unico per il propio diritto alla sopravvivenza; se questo principio permane e non ci sono abusi, il problema cinghiale come il naturale e legittimo esercizio della pratica sportiva può svolgersi senza problema alcuno perchè la salvaguardia del territorio, l’equilibrio dell’ecosistema e la tutela del patrimonio paesaggistico è problema di tutti e non solo di taluni.”
Camillo D’Amico, presidente provinciale Copagri Chieti
Intervento di Camillo D’Amico sulla proroga della caccia al cinghialeultima modifica: 2008-12-31T12:51:37+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento