Altri episodi di bollette pazze… continuano le segnalazioni dei vastesi

bolletta.jpgriceviamo e pubblichiamo 

Stamattina (23/12/2008) mi sono visto recapitare una notifica di pagamento, per omessa denuncia di pagamento rifiuti anno 2003. Ho pensato al regalo di Natale di Lapenna e Company, ho controllato i miei pagamenti tutti in regola, anzi scopro che da quello dichiarato e’ quello…

 accertato ho pagato di piu’. Quando vado al Comune mi faccio pagare i danni subiti, avendomi rovinato il Natale con un provvedimento illeggittimo. Poi, dicevo tra me e me, forse hanno sbagliato solo con me. Suonano alla porta mi arriva la signora del quarto piano incavolata nera, aveva anche lei una infedele denuncia. Anche lei aveva i bollettini di pagamenti effettuati. Mi telefona un amico e’ anche lui ha ricevuto un provvedimento di pagamento .
Il bello che se paghiamo subito senza adire a una controversia ci fanno lo sconto di 1/4 della pena. Ora voglio vedere quanti ne hanno fatti di questi accertamenti “a do coio coio” . Mi diceva la signora che li avevano mandati adesso perche’ l’anno prossimo scattavano i cinque anni per cui non era piu’ valida mantenere i bollettini ,quindi tempestivi . Questa e’ l’ennesima bufala che fa scricchiolare quel poco di fiducia che era rimasta verso questa amministrazione; colpirci alle spalle in questo momento di crisi e’ da criminali ,vorrei sapere a chi e’ venuta quest’idea cosi brillante .
Ne vedremo delle belle nei prossimi giorni .
Mi serve l’indirizzo di un associazione consumatori di Vasto per rivolgerci tutti ad essi ed iniziare una controversia con il Comune per chiedere i danni INSIEME FAREMO CADERE QUESTA ennesima vergogna che si perpreta sulle spalle dei cittadini .
Stamattina 24/12/2008 seconda puntata della telenovelas TARSU doppia. Arriva dalle poste italiane una notifica che comunica che chi ha firmato la notifica ieri, non essendo il titolare dell ‘intestazione del provvedimento, è il familiare convivente.

Stiamo sfiorando il ridicolo in mano a chi ci troviamo ………
la telenovelas si ingarbuglia sempre di piu’ ,adesso ci manca solo un provvedimento ICI tra il 26/12/2008 e il 31/12/2008 cosi chiudiamo l’anno in bellezza …
sotto a chi tocca!

Altri episodi di bollette pazze… continuano le segnalazioni dei vastesiultima modifica: 2008-12-26T12:14:29+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Altri episodi di bollette pazze… continuano le segnalazioni dei vastesi

  1. Leggo solo ora questo articolo riportato dalla stampa locale in data odierna invito lo scrivente a contattarmi, ma nello stesso tempo e bene ricordare a tutti che il lavoro di questa amministrazione e finalizzato a regolarizzare tante di quelle posizioni parassitarie di evasori o elusori che con il loro comportamento tributario fanno si che le persone civicamente corrette si vedano aumentare le tassazioni in virtù dei loro comportamenti.
    Gli uffici tributi del Comune di Vasto stanno portando avanti una battaglia democrtica , mi spiego a mio avviso il più alto segno di partecipazione democratica alle scelte di investimenti e spesa nell’Ente Comune, avviene attraverso il pagameto delle tasse e dei tributi che sono poi in concreto le poste in bilancio per gli interventi di spesa sul territorio Cittadino.
    Plaudo al Ns impegno, ed al lavoro degli impiegati comunali del settore Tributi e non, e mi scuso in prima persona per gli errori che si stanno verificando, allo stesso tempo vi ricordo che gli uffici sono aperti al publico tutti i giorni ed anche gli sportelli S.O.G.E.T. in via marco Polo i giorni di Lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 09 alle 13:00.
    Solo chi non fà non sbaglia,
    Buon anno alla redazione e a tutti i Cittadini di Vasto
    Domenico Molino

  2. Mi fa piacere che ci sia la risposta del Sig.re Molino che io non conosco ,ma colgo il fatto che si esponga e’ dia risposta di quello che sta succedendo questi giorni.
    Senza nessuna polemica personale ,volevo fargli presente che la penso esattamente come lei ,visto che pago regolarmente le tasse comunali .
    Questo lavoro di accertamento fa onore all’ufficio tributi che vuole assicurare che vengono pagati i tributi da parte di tutti.
    Quello che contestavo maggiormente e’ che un accertamento di tale portato sia ICI che TARSU non le sembra che poteva essere fatto in tempi diversi .
    Mi spiego
    sicuramente se io fossi un amministratore come lei ,farei in modo che questi accertamenti ci siano, perche’ renderebbe piu’ trasparente chi controlla ,la sua azione .
    Ma non si puo’ mandare l’accertamenti nella settimana di natale ,creando disagi e malumore ai cittadini ,questo lei e’ consapevole ? il funzionario che ha deciso queste azioni di controllo ,poteva fare in modo che avvenisse in tempi e modi piu’ favorevole ai cittadini, che si devano sottoporre a questi accertamenti.
    Bisogna fare e’ sottoporsi alla critica con senso civico come ha fatto lei ..
    Sperando in un 2009 di amore e pace per tutti..
    mi consenta
    saludos

  3. Salve a tutti.
    mi presento: sono Gianluca Rucci – Delegato dell’U.P.P.I. Unione Piccoli Proprietari Immobiliari.
    Tutti sanno che a Vasto il Comune ha spedito 9.100 (dati ufficiali) cartelle, in pieno periodo natalizio, per pagamenti del 2003 (ben si comprende la necessità di evitare prescizioni) che hanno causato interminabili code negli uffici comunali da parte dei proprietari.
    Il disagio è stato acuito dalla continua interruzione di corrente elettrica in Comune nei giorni scorsi che ha mandato in tilt e rallentato le operazioni di verifica da parte dei cittadini, già costretti a fare lunghe file.

    C’è chi ha ricevuto cartelle per congiunti morti da diversi anni. C’è chi ha pagato, ma per le interminabili code, non riesce mai a giungere allo sportello per far valere i suoi diritti.

    Pertanto l’U.P.P.I. – Unione Piccoli Proprietari Immobiliari di Vasto chiede:

    1) sospendere i termini di pagamento;
    2) concedere una dilazione di almeno 90 giorni;
    3) aumentare il personale a disposizione per i controlli.

    Abbiamo richiesto il 15 gennaio un incontro urgente con il Sindaco Luciano Lapenna e gli assessori competenti per concordare una strategia a difesa dei cittadini che consenta, nell’interesse anche del Comune, di uscire da questa situazione difficile.

    I dati e le giustificazioni date dal Sindaco e dell’Assessore Molino non ci bastano.

    Faremo battaglia. Invitiamo i cittadini che hanno ricevuto le cartelle e che ritengono di essere stati ingiustamente colpiti, a inviarci via fax (0873.344638) o via e-mail (g.rucci@consulentilegali.org) lettere di protesta che faremo valere in Comune.

    L’U.P.P.I. è a disposizione di tutti i proprietari che ci volessero contattare per un’azione comune a difesa dei loro diritti: la nostra sede è a Vasto in Via Giulio Cesare 1 – Tel. 0873-344.637 Fax 0873-344.638, mobile 345.2197515.

    Grazie a tutti per l’attenzione.

    Fate girare la presente mail.

Lascia un commento