Pdl presenta il listino: «una squadra che governerà al meglio»

chiodi.jpg«E’ una squadra fortissima, in grado di assicurare una reale governabilita’ dell’Abruzzo». E nel listino Chiodi non si dimentica del suo vice ai tempi di Teramo, Barardo Rabbuffo. Comincia con sano ottimismo ostentato per coprire i dissidi degli ultimi giorni, la campagna elettorale di Gianni Chiodi, candidato presidente nelle fila del Pdl…

Ieri l’ex sindaco di Teramo ha incontrato a Roma il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei Ministri, Gianni Letta, il coordinatore nazionale di Forza Italia, Denis Verdini, e il coordinatore nazionale di An, Ignazio La Russa.
«Sono convinto», ha proseguito Gianni Chiodi non abbandonando il suo ottimismo, «che presentarsi agli abruzzesi con un numero di liste contenuto sia la migliore garanzia».
E proprio ieri, infatti, è stato ufficializzato il listino.
A comporlo, in questo preciso ordine, sono: Federica Chiavaroli, presidente dei Giovani industriali di Pescara, Gianfranco Giuliante, presidente del Parco Majella, Giuseppe Tagliente, ex presidente del
Consiglio regionale e consigliere uscente, Antonio Del Corvo, ex vice sindaco di Celano, Berardo Rabbuffo, ex vice sindaco di Teramo che Chiodi non ha voluto lasciare a terra, Alessandra Petri, ex consigliere comunale di Pescara, e Ricardo Chiavaroli, ex presidente della Gtm di Pescara.
L’ottavo posto è occupato dal candidato del Pdl alla presidenza della Regione, Gianni Chiodi. I sette candidati al listino entreranno in consiglio regionale se vince il Pdl: i candidati quindi non dovranno fare campagna elettorale… magie di una legge elettorale molto particolare.
«Crediamo di aver fatto un ottimo lavoro – ha spiegato l’altro coordinatore regionale, Fabrizio Di Stefano, – ritengo la lista composta da persone qualificate e di valore. Che ad aprire il listino sia una donna, giovane e di qualita’, come Federica Chiavaroli, credo segni il senso che il Pdl vuole dare alla consultazione elettorale».
«Il prossimo Governo regionale», ha detto invece Chiodi, «lavorera’ all’unisono e senza divisioni per affrontare le sfide dell’Abruzzo. Non mi sembra che questa garanzia possa venire da un centrosinistra dilaniato dalle polemiche e composto da una macedonia di partiti che hanno gia’ dimostrato di non essere di grado di governare né l’Abruzzo né l’Italia».

tratto da www.primadanoi.it

I CANDIDATI DEL PDL

Per Chieti, i candidati sono: Nicola Argiro’, Giovanna Calignano, Luigi De Fanis, Emilia De Matteo, Pasquale Di Nardo, Mauro Febbo, Nicola Mincone, Emilio Nasuti, Rosaria Nelli e Raffaele Lanfranco Tenaglia.
Per L’Aquila: Luca Bergamotto, Fernando Ciancarelli, Waletr Di Bastiano, Emilio Iampieri, Marcello Lancia, Carla Mannetti, Luca Ricciuti e Daniela Stati.
Per Pescara: Alfredo Castiglione, Annamaria lanci, Luigi Marchegiani, Nazario Pagano, Enio Rosini, Lorenzo Sospiri, Maurizio Teodoro, Nicoletta Veri’.
Per Teramo: Luigia Corneli, Emiliano Di Matteo, Palo Gatti, Caterina Longo, Giandonato Morra, Bruno Sabatini Lanfranco Venturoni e Massimo Vitelli.

Pdl presenta il listino: «una squadra che governerà al meglio»ultima modifica: 2008-10-31T18:39:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Pdl presenta il listino: «una squadra che governerà al meglio»

  1. Sono un elettore del pdl e sono rimasto profondamente sconvolto dalle dichiarazioni del candidato Presidente del Pdl circa la possibile realizzazione del Centro Oli ad Ortona. Stò seriamente rivedendo la mia posizione! Complimenti Presidente!

    Piergiuseppe Mammarella – Vacri (CH)

  2. La storia spesso e volentieri dovrebbe essere d’insegnamento alle generazioni future, ciò riguarda ovviamente anche tutti noi che viviamo il presente.
    Il polo petrolchimico di Priolo (Sr), Ravenna, Novara, quello nel Metaponto (Basilicata) sono e rappresentano tutt’ora un danno al territorio e alle economie locali. Gli stessi amministratori che al tempo valutarono positivamente la creazione degli impianti oggi sono pentiti amaramente delle scelte fatte. Basta leggere e documentarsi.
    Il centro oli di Ortona sarebbe solo un ulteriore errore.
    Una Regione come l’Abruzzo, che dovrebbe puntare sul turismo, sull’ambiente, sulla promozione del territorio non può permettersi un tale errore.
    Ma non dovremmo puntare sulle energie rinnovabili Caro Sindaco di Teramo?!?!?!
    Io non voterò PdL.

  3. Purtroppo tanti non sanno niente di questa porcata e voteranno la persona che gli e’ andata a cercare il voto in ricordo di un favore fatto in passato.Hanno fatto una campagna elettorale senza lasciare niente al caso.Guardate le loro facce,vi sembrano persone che possono traghettare l’Abruzzo fouri dalla palude dove ci hanno ficcato? Ha ragione Remo …zio Remo e cioe’ tutti i candidati che sono stati presenti allo sfascio con devono mettere piu’ piede alla regione.Tutti a casa,poi…non hanno uno straccio di progetto,non hanno che la voglia matta di tornare in possesso dei loro bei soldini a Gratis ,senza fare nulla.Come quelle vacche al pascolo in India.La politica come la intendono i vecchi che stancamente si trascinano verso le loro poltrone,devono lasciare spazio ai meritevoli e ai capaci.Questi sono solo aria fritta e rifritta.Non votate chi e’ gia’ stato al governo regionale.Saluti

Lascia un commento