Pericoloso camorrista arrestato a Gissi.

880e1e3f26c9524fe500d6e98bed1a12.jpgCozzolino, 38 anni originario di Napoli viveva da alcuni anni a Gissi, dove si era trasferito con la sua famiglia. Si era rifatto una vita nella nostra tranquilla regione, attrezzando la sua casa con porte e finestre blindate, controllate da una telecamera…….

Cozzolino ha trascorso moltissimi anni in carcere e da un paio era libero, ha precedenti per associazione a delinquere di stampo camorristico, omicidio volontario, detenzione e porto abusivo di armi, traffico di stupefacenti. Nel 2002 rimase gravemente ferito in un agguato in cui morì uno dei suoi fedelissimi collaboratori. La squadra mobile di Chieti lo ha arrestato ieri sera mentre stava per rincasare: lui, alla vista degli agenti, ha tentato di fuggire. Cozzolino è accusato di detenzione illegale di armi da guerra, una pistola, con relative munizioni. 
Questa mattina il dirigente della Squadra Mobile, Paolo Monnanni, nel corso di una conferenza stampa, ha definito il Cozzolino «un esule della camorra» e ha sostenuto che era a capo di un agguerrito gruppo di fuoco. Secondo la Polizia di Chieti, insomma, si tratta di un personaggio di elevato calibro criminale e il suo arresto – é stato detto – è il frutto di una attenta lotta contro le inflitrazioni malavitose, che la Mobile di Chieti sta effettuando a Vasto, dopo una serie di allarmanti episodi che si sono verificati nel nostro territorio. Nel corso della perquisizione effettuata presso l’abitazione del Cozzolino è stata rinvenuta e sequestrata una pistola calibro 9. Le indagini dovranno verificare se ed in quali circostanze la predetta pistola sia stata utilizzata, al fine di poter dare un volto agli autori dei recenti fatti di cronaca accaduti a Vasto ed altrove.
Pericoloso camorrista arrestato a Gissi.ultima modifica: 2008-03-29T15:25:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo